top of page

Happy Ageing - Stati generali dell'invecchiamento attivo


Si è conclusa la 1a edizione degli Stati Generali dell'Invecchiamento Attivo, evento che ha richiesto otto anni di studio e un grande lavoro di intesa e dialogo con le parti che rappresentano il mondo degli anziani e le società scientifiche che si occupano dell'invecchiamento e delle problematiche a questo legate. Un percorso lungo, grazie al quale "HappyAgeing - alleanza per l'invecchiamento attivo", è riuscita a condurre a proposte concrete e attuabili da discutere con le diverse forze politiche impegnate per le prossime elezioni. La rappresentanza delle forze politiche ha visto la partecipazione di Paola Binetti, Responsabile Sanità Unione dei Democratici Cristiani e di Centro – UDC; Elena Carnevali, Candidata Partito Democratico; Luca Coletto, Responsabile Sanità Lega per Salvini; Marcello Gemmato, Responsabile Sanità Fratelli d’Italia; Pietro Luigi Lopalco, Candidato Articolo 1; Andrea Mandelli, Responsabile Sanità Forza Italia; Annamaria Parente, Responsabile Sanità Italia Viva – Terzo polo, e Paola Taverna, Presidente Intergruppo Longevità Movimento 5 Stelle.


L'evento ha affrontato quattro temi principali: l'immunizzazione, la silver economy, la nutrizione e l'attività fisica, argomenti che hanno portato a dibattere i partecipanti su esperienze, dubbi e istanze condivise da portare all’attenzione della politica. Gli intervenuti hanno ribadito la necessità di non considerare più l'invecchiamento come un problema da gestire, ma come un'occasione per ripensare e ridisegnare la società moderna, rendendo l'invecchiamento attivo, un'opportunità sociale, economica e sanitaria.


Il tema dell'attività fisica è stato dibattuto dal fisiatra SIMFER Maurizio Masucci, Direttore Struttura Complessa di Riabilitazione Intensiva Ospedaliera - Azienda USL Umbria 1, dalla dott.ssa Barbara De Mei, Direttrice Reparto Sorveglianza dei Fattori di Rischio e Strategie di Promozione della Salute dell’ISS, dal dott. Ernesto Andreoli, Consigliere di Presidenza SIMFER, dott. Giuseppe Napoli, Presidente Federsanita' Anci Fvg e dal facilitatore della sessione sul movimento, il dott. Alessandro Stranieri, Dipartimento Scienze Biomolecolari Scuola di Scienze Motorie, Università di Urbino e referente del Comitato Italiano Scienze Motorie.


Si è chiesto di procedere “attivamente” con patti e alleanze “di sistema” tra Stato, Regioni, Aziende sanitarie, università e Comuni per condurre a maggiori investimenti per la "prevenzione e la promozione della salute", per promuovere attività fisica ed esercizio fisico, insieme a corretti stili di vita, per le persone anziane e non solo, per l’intero arco della vita, introducendo l'attività motoria fin da bambini, in modo da creare una salda cultura verso la necessità di una vita attiva.


Nel dibattito sono anche emersi esempi di promozione attuati da alcuni comuni italiani che, per incentivare l'attività fisica degli over 65 hanno messo a disposizione della comunità, in modo gratuito, spazi adeguati, risolvendo anche i problemi di natura economica che molti anziani lamentano. Inoltre, si è fatto notare come l'esercizio fisico e l'attività fisica possano essere utilizzati per ridurre la spesa farmaceutica e sanitaria. Si è parlato, quindi, di Attività Fisica Adattata (AFA), ovvero di programmi non sanitari di attività motoria di gruppo condotti da chinesiologi, da attuare all’aperto o al chiuso. Uno strumento diverso dalla riabilitazione, di cui però potrebbe essere il naturale continuum a lungo termine, finalizzato al mantenimento della salute e al controllo delle patologie croniche che spesso affliggono le persone anziane. E possibile rivedere l'intero evento trasmesso in diretta Facebook all'indirizzo: https://www.facebook.com/happyageingITA/videos/1076974266284996


Grazie al Dott. Alessandro Stranieri, per aver portato la voce del CISM.

75 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Alta Formazione Scienze Motorie Lavorare con la Disabilità

L'universo della disabilità è vasto e molteplice, non solo un lavoro ma una vera e propria vocazione Comprende infatti una miriade di tipologie di disabilità tra di loro profondamente differenti che

Comments


bottom of page