top of page

Il Perfezionismo nello Sport


Cosa ci vuole per raggiungere un livello così alto di performance?


Certo, ci sono molti fattori che possono portare a prestazioni sportive di successo, ma uno in particolare che ha un interessante impatto multiforme è quello del perfezionismo.


Il perfezionismo è il rifiuto di qualsiasi standard che non sia perfetto; è diverso dal cercare semplicemente di dare il meglio di sé.[2] Può essere presente in qualsiasi aspetto della tua vita, che si tratti di raggiungere voti scolastici perfetti, lavoro, prestazioni sportive o persino relazioni. Sebbene sia generalmente visto come un attributo desiderabile, ha aspetti sia positivi che negativi. Da un lato, può essere visto come una caratteristica positiva che motiva un individuo a lottare per il successo. Tuttavia, può anche portare a una preoccupazione per gli errori e allo sviluppo di comportamenti controproducenti, che di fatto rendono più difficile il raggiungimento degli obiettivi.[2]


Guardando specificamente al mondo dello sport, il perfezionismo può svolgere un ruolo dicotomico nelle prestazioni sportive degli atleti. Sebbene la ricerca della perfezione sia considerata vantaggiosa per le prestazioni sportive, aspetti di questo tratto possono ostacolarla allo stesso tempo. In un'indagine sulle caratteristiche psicologiche dei campioni olimpici, il perfezionismo è stato identificato come un fattore importante per competere ai massimi livelli dello sport.[3] Ciò suggerisce che il perfezionismo ha un ruolo significativo nelle prestazioni sportive, tuttavia la presenza di tratti negativi può contemporaneamente minare queste prestazioni. Considerando questo ruolo paradossale, può essere difficile capire il ruolo che il perfezionismo gioca veramente. La comprensione del ruolo del perfezionismo aiuterà allenatori e giovani atleti a ottimizzare le prestazioni sportive e mantenere una mentalità sana.


Il perfezionismo può essere suddiviso in dimensioni sia salutari che malsane.[4][5] Il perfezionismo, ovviamente, non sarà sano o malsano in tutte le circostanze in tutti i tempi. Per individui diversi, si manifesterà in modi diversi con implicazioni diverse in contesti diversi.[6] Inoltre, il perfezionismo può essere attribuito sia internamente che esternamente, con queste dimensioni chiamate perfezionismo orientato al sé (SOP) e perfezionismo socialmente prescritto (SPP).[7]


Perfezionismo sano


Il sano perfezionismo è caratterizzato da una ricerca egocentrica dell'eccellenza, elevati standard personali, rinforzo positivo, perseguimento di obiettivi realistici e consapevolezza dei limiti personali e situazionali.[8] È considerato vantaggioso per gli atleti per esibirsi a un livello d'élite.[3] I perfezionisti sani sono in grado di concentrarsi sull'auto-miglioramento e sull'autovalutazione positiva; e di fronte alle sfide, generalmente mantengono un atteggiamento positivo, tentano di stabilire la ragione di un fallimento e riflettono su se stessi per essere in grado di adattare le loro prestazioni in futuro per evitare di commettere errori simili.[9]


Inoltre, un sano perfezionismo è allineato con gli aspetti positivi del perfezionismo orientato verso se stessi, che è l'istituzione autoimposta di standard eccezionalmente elevati e la tendenza a tendere all'eccellenza.[10] Sia il sano perfezionismo che il SOP hanno dimostrato di essere altamente motivanti, associati a prestazioni ottimali, fiducia in se stessi, speranza di successo e una ridotta probabilità di burnout dell'atleta.[11]


Perfezionismo malsano


D'altra parte, il malsano perfezionismo è caratterizzato da reazioni negative e paura del fallimento, preoccupazione per gli errori, dubbi sulle azioni, risposte esagerate alle battute d'arresto e una cronica insoddisfazione o incertezza riguardo alle prestazioni.[12] Ostacola piuttosto che assistere le prestazioni sportive. Perfezionisti malsani stabiliscono standard di prestazione eccessivamente elevati e tendono a percepire gli errori come rappresentativi di un fallimento totale.[13] Inoltre, sono spesso eccessivamente esigenti con se stessi e con gli altri, definendo la propria autostima attraverso le prestazioni.[14] Spesso trovano difficile riprendersi dalle battute d'arresto e sono spesso scoraggiati dai loro fallimenti perché sentono una mancanza di controllo sul risultato.[9] A causa di queste caratteristiche negative, il perfezionismo malsano è stato associato a conseguenze negative tra cui ansia, bassa autostima e paura di una valutazione negativa.[15]


Il perfezionismo socialmente prescritto (SPP) è correlato alle malsane caratteristiche del perfezionismo. Si riferisce alla pressione esterna e alle aspettative che gli atleti possono sperimentare da membri della famiglia, allenatori, compagni di squadra e amici, ecc. Diversamente da SOP, (perfezionismo autoimposto), SPP si preoccupa di lottare per standard estremamente elevati al fine di soddisfare le aspettative di altri. Gli atleti con alti livelli di SPP sono risultati correlati con i più bassi livelli di benessere rispetto agli atleti con altri livelli di perfezionismo.[6] La presenza di SPP sembra quindi avere un'influenza negativa sulle prestazioni sportive.


Impatti complessivi sulle prestazioni sportive


Con una comprensione delle sfaccettature sane e malsane del perfezionismo, i suoi impatti sui fattori delle prestazioni sportive come la motivazione al successo, il burnout dell'atleta e l'ansia competitiva possono essere esaminati meglio.


La motivazione al successo è la spinta al successo di un atleta. Si può dividere in due segmenti: speranza di successo e paura di fallire.[16] Il perfezionismo sano è correlato più strettamente con la speranza di successo, mentre il perfezionismo malsano è strettamente associato alla paura del fallimento.[17]


Il burnout dell'atleta è definito come il “ritiro psicologico, emotivo e fisico da uno sport precedentemente praticato e piacevole a seguito di uno stress eccessivo che agisce sull'atleta nel tempo”.[18] È stato correlato al perfezionismo e i sintomi includono un ridotto senso di realizzazione, esaurimento fisico ed emotivo e svalutazione dello sport.[19]


Gli atleti perfezionisti tendono a lottare per standard eccessivamente elevati e lo sforzo richiesto per mantenere elevati standard di prestazione significa che sono spesso più suscettibili al burnout.[20] Il perfezionismo malsano è stato correlato positivamente con i sintomi del burnout degli atleti, mentre è stato dimostrato che gli atleti con perfezionismo sano hanno livelli più bassi di sintomi di burnout.[21]


L'ansia competitiva è correlata ai sentimenti di un atleta di potenziale fallimento e alla consapevolezza dei propri sintomi corporei (ad esempio lotta o fuga) e può essere contrastata con la fiducia in se stessi. Le competizioni sportive sono una conversione dell'allenamento e dell'esperienza di un atleta nelle sue migliori prestazioni e spesso si traducono in una maggiore ansia competitiva. È stato dimostrato che il perfezionismo sano è correlato con una maggiore fiducia in se stessi e una diminuzione dell'ansia competitiva rispetto al perfezionismo malsano, suggerendo che alti livelli di perfezionismo sano in un atleta possono avere impatti potenzialmente positivi sulle prestazioni sportive.[22]


Il perfezionismo non è quindi necessariamente negativo per le prestazioni sportive; solo alcuni aspetti sono malsani. Il perfezionismo sano è correlato alla speranza di successo, a livelli inferiori di sintomi di burnout degli atleti e a una maggiore fiducia in se stessi, tutti elementi che hanno esiti positivi sulle prestazioni sportive. Tuttavia, il malsano perfezionismo è associato alla paura del fallimento, a tassi più elevati di esaurimento degli atleti e a una maggiore ansia competitiva, che a loro volta hanno un impatto negativo sulle prestazioni sportive.


Trovare i giusti livelli di perfezionismo


Sembra che gli atleti con tendenze perfezionistiche sane e elevate sembrino avere prestazioni migliori rispetto agli atleti con tendenze perfezionistiche malsane. Se gli aspetti negativi del perfezionismo come la paura del fallimento, gli obiettivi irrealistici e l'ansia competitiva possono essere separati dagli aspetti positivi, tra cui la speranza di successo, gli obiettivi raggiungibili e la fiducia in se stessi, gli atleti saranno in grado di ottenere prestazioni migliori.


Come coltivare negli atleti queste sane tendenze perfezionistiche? Genitori, allenatori e compagni di squadra svolgono tutti un ruolo importante nello sviluppo del perfezionismo nei giovani atleti. Lo sviluppo delle tendenze perfezionistiche dei giovani atleti è influenzato dalla loro percezione del perfezionismo dei loro genitori.[23] Mentre i perfezionisti sani vedono allenatori e compagni di squadra come una fonte positiva di incoraggiamento per il duro lavoro e il successo, i perfezionisti malsani riconoscono la loro importanza; eppure spesso li considerano una fonte di pressione per ottenere buoni risultati.[9] Questo ha il potenziale per influenzare lo sviluppo del perfezionismo socialmente prescritto dei giovani atleti.


L'ambiente sociale dei giovani atleti ha quindi un impatto significativo sulle loro tendenze perfezionistiche. Se i genitori, gli allenatori e i compagni di squadra degli atleti mostrano sane tendenze perfezionistiche, ciò incoraggerà lo sviluppo di un sano perfezionismo negli atleti, che porterà a prestazioni migliori. Inoltre, se gli atleti possono imparare a lavorare con il loro perfezionismo nel loro contesto sportivo abbracciando le loro sane tendenze al perfezionismo e riconoscendo e gestendo le loro malsane tendenze al perfezionismo, possono ridurre le conseguenze negative come il burnout dell'atleta e l'ansia competitiva.


Conclusione


Il perfezionismo ha un impatto significativo sulle prestazioni sportive degli atleti, sia in modo positivo che negativo. Ovviamente, per raggiungere quello che molti considererebbero l'apice del successo sportivo, le Olimpiadi, molti giovani atleti crederanno di dover costantemente lottare per la perfezione assoluta. Tuttavia, è più salutare e più vantaggioso considerare i tipi di perfezionismo che si esibisce e lavorare per coltivare gli aspetti sani, gestendo al contempo gli aspetti malsani; questo dovrebbe effettivamente migliorare le prestazioni sportive.


Avere consapevolezza delle proprie tendenze perfezionistiche può essere vantaggioso: non solo per le prestazioni sportive ma può essere tradotto nella vita di tutti i giorni. Considera come ti avvicini alle attività quotidiane, al lavoro o agli studi: sei un perfezionista? Come puoi sfruttare il tuo perfezionismo per essere il meglio che puoi essere?


Autrice ZoeLatham PhD Researcher & Lecturer in Architecture at University of Plymouth



Bibliografia


[3] Gould, D., Dieffenbach, K., & Moffett, A. (2002). Psychological characteristics and their development in Olympic champions. Journal of Applied Sport Psychology, 14, 172-204.

[4] Frost, R.O., Marten, P., Lahart, C., & Rosenblate, R. (1990). The dimensions of perfectionism. Cognitive Therapy and Research, 14, 15-34.

[5] Stoeber, J., & Otto, K. (2006). Positive conceptions of perfectionism: Approaches, evidence, challenges. Personality and Social Psychology Review, 10, 295-319.

[6] Gaudreau, P., & Verner-Filion, J. (2012). Dispositional perfectionism and well-being: A test of the 2X2 model of perfectionism in the sport domain. Sport, Exercise, and Performance Psychology, 1, 29-43.

[7] Hewitt, P.L., & Flett, G.L. (1991). Perfectionism in the self and social contexts: Conceptualisation, assessment, and association with psychopathology. Journal of personality and social psychology, 60, 456-470.

[8] Slade, P.D., & Owens, R.G. (1998). A dual process model of perfectionism based on reinforcement theory. Behaviour Modification, 22, 372-390.

[9] Gotwals, J.K., & Spencer-Cavaliere, N. (2014). Intercollegiate perfectionistic athletes’ perspectives on achievement: Contributions to the understanding and assessment of perfectionism in sport. International Journal of Sport Psychology, 45(4), 271-297.

[10] Curran, T. (2014). The relationship between multidimensional perfectionism and passion in junior athletes. International Journal of Sport Psychology, 45(4), 369-384.

[11] Hill, A.P., Hall, H.K., & Appleton, P.R. (2010a). Perfectionism and athlete burnout in junior elite athletes: The mediating role of coping tendencies. Anxiety, Stress & Coping, 23, 415-430.

[12] Stoeber, J., Stoll, O., Pescheck, E., & Otto, K., (2008). Perfectionism and achievement goals in athletes: relations with approach and avoidance orientations in mastery and performance goals. Psychology of Sport and Exercise, 9, 102-121.

[13] Burns, D.D. (1980) The perfectionist’s script for self-defeat. Psychology Today, 14(6), 34-52.

[14] Slaney, R.B., Ashby, J.S., & Trippi, J. (1995). Perfectionism: Its measurement and career relevance. Journal of Career Assessment, 3, 279-297.

[15] Stoeber, J., & Becker, C. (2008). Perfectionism, achievement motives, and attribution of success and failure in female soccer players. International Journal of Psychology, 43(6), 980-987.

[16] DeCharms, R., & Davé, P.N. (1965). Hope of success, fear of failure, subjective probability, and risk-taking behaviour. Journal of Personality and Social Psychology, 1, 558-568.

[17] Frost, R.O., & Henderson, K.J. (1991). Perfectionism and reactions to athletic competition. Journal of Sport and Exercise Psychology, 13, 323-335.

[18] Smith, R.E. (1986). Toward a cognitive-affective model of athletic burnout. Journal of Sport Psychology, 8, 36-50.

[19] Madigan, D.J., Stoeber, J., & Passfield, L. (2016). Perfectionism and changes in athlete burnout over three months: Interactive effects of personal standards and evaluative concerns perfectionism. Psychology of Sport and Exercise, 26, 32-39.

[20] Chen, L.H., Chen, M., Kee, Y.H, & Tsai, Y. (2008). Relation of perfectionism with athletes’ burnout: further examination. Perceptual and Motor Skills, 106, 811-820.

[21] Gotwals, J.K. (2011). Perfectionism and Burnout within Intercollegiate Sport: A Person-Oriented Approach. The Sport Psychologist, 25, 489-510.

[22] Koivula, N., Hassmén, P. & Fallby, J. (2002). Self-esteem and perfectionism in elite athletes: effects on competitive anxiety and self-confidence. Personality and Individual Differences, 32, 865-875.

[23] Appleton, P.R., Hall, H.K., & Hill, A.P. (2010). Family patterns of perfectionism: An examination of elite junior athletes and their parents. Psychology of Sport and Exercise, 11, 363-371.

614 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Alta Formazione Scienze Motorie Lavorare con la Disabilità

L'universo della disabilità è vasto e molteplice, non solo un lavoro ma una vera e propria vocazione Comprende infatti una miriade di tipologie di disabilità tra di loro profondamente differenti che

Comments


bottom of page